Fuori casa in Italia: a Natale vincono i ristoranti, ma il vero fenomeno 2011 sono gli aperitivi

La crisi ha segnato il 2011 ma non per il mercato del fuori casa, che ha registrato positività e nuove occasioni di consumo

Milano, 26 gennaio 2012 - Il 2011 si chiude in maniera positiva per il mercato della ristorazione commerciale, come rilevato dai dati del panel CREST di NPD Group di dicembre 2011.

La rilevazione di NPD Group, società che monitora il mercato mediante un’indagine continuativa su panel di consumatori, registra un incremento dello 0,7% nelle visite e dell’1,0% nella spesa rispetto al 2010 per quanto riguarda il mercato del fuori casa. A spingere il dato in maniera positiva è soprattutto il comparto del servizio veloce e del leisureNonostante la crisi economica,  il mercato della ristorazione commerciale risulta positivo. Gli indici relativi alla fiducia dei consumatori hanno toccato i minimi storici durante il 2011, con un’inversione di tendenza solo nel mese di novembre, caratterizzato dal cambio di governo.

La vera sorpresa arriva con i dati di dicembre

L’ultima rilevazione mostra come gli italiani, nel mese delle feste, non abbiano rinunciato al cibo fuori casa. Seppure dicembre registri un -0,5% nelle visite per il totale mercato, i ristoranti a servizio completo registrano un +3,1% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. “I dati di Dicembre sono confortanti” – dichiara Matteo Figura a capo della business unit Foodservice di NPD Group-  “Il dato positivo del servizio completo arriva dopo due mesi caratterizzati del segno negativo. Ancora una volta, gli italiani mostrano di non voler rinunciare alle occasioni caratterizzate da una forte componente esperienziale”.  Sono dunque gli elementi che arricchisco l’esperienza di consumo che trainano il mercato del fuori casa. “Tuttavia il 2011 è stato caratterizzato da alcuni segnali allarmanti” – continua  Figura – “Se da una parte è vero che l’atteggiamento degli italiani nei confronti del fuori casa ha sostanzialmente mantenuto il mercato stabile, nel 2011 abbiamo assistito ad una notevole retrocessione. A fronte di un trend in visite piuttosto stabile,si registra una diminuzione della spesa media pro capite, ma anche una crescita dei servizi veloci e della ristorazione collettiva a scapito del servizio completo.”

Gli italiani scelgono dunque soluzioni più convenienti rinunciando ad una parte del pasto o scegliendo canali più economici.

Gli Italiani e l'aperitivo

Il 2011 è stato anche l’anno in cui si è registrato un picco nel fenomeno dell’Happy Hour. “L’aperitivo serale – conclude il Figura – è un indicatore interessante dei mutamenti che riguardano le occasioni di consumo. Non si tratta più di un fenomeno relegato solamente nelle regioni del nord ma si sta rapidamente diffondendo in tutta Italia. L’aperitivo, caratterizzato da buffet di cibo sempre più ricchi e variegati è insieme esperienza e razionalizzazione. Nell’ultimo periodo abbiamo registrato un incremento notevole del consumo di primi piatti e piatti pronti durante l’aperitivo a scapito delle occasioni di consumo principali”. 

Description: NPD_primipiattigraph_F.png

A proposito di CREST

Il panel CREST di NPD permette di analizzare il comportamento dei consumatori nei consumi alimentari fuori casa per 365 giorni l’anno: tipo di locale e insegna visitata, momento e modalità di consumo, spesa media e prodotti consumati. Crest offre anche una visione delle dinamiche dei cibi e delle bevande consumate fuori casa.

CREST è disponibile in Europa, America del Nord, Asia e Australia. Il panel è rappresentativo della popolazione del paese


Share

 

Per saperne di più

Matteo Figura
Foodservice Manager, Italy
Tel. : +39 028500641
matteo.figura@npd.com

The NPD Group, Inc.
Viale Edoardo Jenner 53
Milano

Compila questo modulo per saperne di più !